Giornate europee patrimonio Parigi

Giornate europee del patrimonio a Parigi

Il terzo weekend di settembre i francesi non prendono impegni: da 32 anni a questa parte, si tengono le Giornate Europee del Patrimonio (promosse per la prima volta proprio qui e poi diffuse in tutta Europa), l’esclusiva occasione per accedere a siti culturali di elevati livelli qualitativi, generalmente chiusi al pubblico.

Per quest’anno l’appuntamento è il 19 e il 20 settembre e, in tutta la Francia, saranno accessibili 17.000 monumenti.

Naturalmente, anche per chi di noi avesse la sfacciata fortuna di essere a Parigi in quei giorni ci sono in calendario numerose iniziative e un ricco carnet di tesori nascosti da svelare.

Partiamo alla grande con gli edifici che ospitano le più grandi personalità della politica francese: sempre ambitissime fra i visitatori sono la residenza del Presidente della Repubblica (Palais de l’Elysée) in un sontuoso palazzo del XVIII secolo, quella del Primo Ministro (Hôtel Matignon), le camere del Parlamento (Senat e Assemblée Nationale) e il palazzo comunale.

E non c’è da stupirsi se fuori da questi palazzi troverete delle lunghe code: finemente decorati e pregni di storia, questi siti sono fra i più gettonati delle Giornate Europee del Patrimonio a Parigi.

Oltre a questi, sono decine e decine gli altri edifici aperti al pubblico, proprio per tutti i gusti: per chi adora il sapere e la cultura pochi siti saranno più interessanti della più antica università della città, la Sorbona, fondata nel XIII secolo così come l’Hotel Lamoignon, che ospita la più antica biblioteca pubblica della città, risalente al XVIII secolo.

Altri spunti davvero interessanti ci verranno da luoghi fondamentali per la sopravvivenza della società, ma interdetti al pubblico: pensiamo agli archivi di stato, ad esempio, che si trovano nell’Hotel Rohan e nell’Hotel de Soubise.

Oltre agli insoliti luoghi della capitale parigina, potremo visitare anche altri siti ben più frequentati della città, come il Louvre o la Cattedrale di Notre Dame, straordinariamente ad accesso libero; altri siti minori, ma non meno interessanti, li trovate sul sito ufficiale dell’evento.

Leggendo di questi straordinari monumenti aperti al pubblico, la tentazione di non perderne nemmeno uno è davvero grossa; materialmente è impossibile visitarli tutti in una volta sola, quindi il consiglio è quello di selezionarne solo alcuni e, a malincuore, scartarne altri. Potreste privilegiare un criterio spaziale se volete vederne quanti più possibile, altrimenti se preferite un tour tematico, mettete in conto di visitarne pochi, ma buoni. In ogni caso, non dimenticate di controllare se i siti prescelti richiedono una prenotazione per la visita.

Come terza soluzione, vi consiglio di non sottovalutate nemmeno un altro criterio di visita: passeggiate per Parigi e lasciatevi incuriosire da alcuni siti che mai avreste messo in lista che trovate strada facendo. Potreste scoprire cose davvero interessanti e sorprendenti…

Premesso tutto questo, sono certo che le code che troverete fuori dai monumenti più gettonati (ad esempio l’Eliseo) non vi spaventeranno e non vi demoralizzeranno: le Giornate europee del Patrimonio sono una bellissima chance per vivere una Parigi molto caratteristica, fatta di monumenti famosi, ma soprattutto di angoli inusuali della città… Se avete l’occasione, non esitate a prenotare il primo volo per Parigi: ne varrà sicuramente la pena!

 

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...
      

Tour e biglietti imperdibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.