Parc de la Villette, Parigi

Parc de la Villette: tra natura e architettura

Scrivi un commento per primo / di Carlo Galici / aggiornato: 12 dicembre 2017

Andiamo a conoscere uno dei polmoni verdi di Parigi.

Situato nel 19e Arrondissement, il Parc de la Villette è una delle aree verdi più grandi e importanti della Ville Lumiére. Questa, come altre zone della città, è un po’ il simbolo della rinascita delle aree più depresse di Parigi.

Nel XIX secolo Napoleone decise di trasferire in questa zona i macelli (les abattoires) e il mercato del bestiame, creando la cosiddetta cité du sang. Fu solo verso la fine degli anni ’70 del ‘900 che l’amministrazione decise di riqualificare l’area della Villette, affidando il progetto di uno spazio multifunzionale al talentuoso e visionario architetto svizzero Bernard Tschumi. Ancora oggi la sua impronta è visibile su tutti i 55 ettari del parco, che comprende uno dei polmoni verdi più grandi della città oltre ad un polo scientifico e culturale tra i più importanti di Parigi.

Gli argomenti di Parc de la Villette: tra natura e architettura:

Dove si trova e come arrivare

Come ho detto, il Parc de la Villette si trova nel 19eArrondissement, nell’area compresa tra la Porte de la Villette e la Porte de Pantin.

Per raggiungerlo è consigliabile servirsi dei mezzi pubblici. In caso si decida di andarci con l’auto, è possibile lasciarla in uno dei tanti parcheggi a pagamento della zona.

Come arrivare

Metro – Linea 5, Stazione Porte de Pantin/ Linea 7, Stazione Porte de la Villette;

Bus – Linee 75, 751 Porte de Pantin/ Linee 139, 150, 152 Porte de la Villette;

Tram – Linea 3B –  Porte de Pantin, Ella Fitzgerald o Porte de la Villette;

Battello –  Con Canauxrama, da/per Port de l’Arsenal, con Paris Canal da/per Musée d’Orsay.

Cosa fare?

Quello della Villette è un parco che offre moltissime opportunità di svago ai suoi visitatori, tanto da poter essere considerato una piccola cittadina a sé stante, rispetto alla grande metropoli che lo ospita: per esplorarlo tutto, forse, non basta neanche un’intera giornata!

Alcune delle attrazioni del parco sono ospitate dalle cosiddette “folies”, le 26 costruzioni dall’aspetto avveniristico e dal caratteristico colore rosso create da Tschumi per rendere omaggio ai tempietti che tanto andavano di moda nei giardini settecenteschi.

Ascoltare la musica

Philarmonie nel Parc de la Villette

In tutte le sue declinazioni, dalla classica al rock. Il Parc de la Villette è un vero e proprio paradiso per gli amanti della musica. Qui si trovano, infatti, numerose aree dedicate a questo tipo di arte e ai suoi artisti. A partire dalla Philarmonie (Filarmonica): inaugurata nel 2015, con il suo enorme auditorium, le sale prova e molti altri spazi dedicati è un vero e proprio centro specializzato nella musica classica, da camera e nel jazz. Affiancata ad essa c’è la più longeva Cité de la Musique, che ospita anche un interessante museo dedicato alla musica, con una fornita mediateca.

Lo Zénith è uno dei luoghi più iconici di Parigi, sul cui palco si sono avvicendati centinaia di artisti famosi provenienti da tutto il mondo. 

Il Trabendo è un locale più piccolo  e meno famoso rispetto al precedente, dove si tengono soprattutto concerti pop e rock.

Per chiudere, non posso non citare la Grande Halle de la Villette, uno spazio espositivo classificato come edificio storico (è una parte dell’area dei macelli che è stata riqualificata invece di essere abbattuta), che ospita numerosi eventi durante il corso dell’anno, tra cui diversi festival dedicati alla musica.

Imparare

Sottomarino Argonaute, Parc de la Villette
Sottomarino Argonaute

Quando si visita la Villette, non si può dimenticare la sua vocazione culturale, e non approfittare delle interessanti attrazioni che mette a disposizione per apprendere i segreti della scienza. Qui, infatti, si trova uno dei maggiori poli dedicati alla diffusione del sapere scientifico, la Cité des Sciences et de l’Industrie, che comprende Explora (un museo suddiviso in sezioni tematiche che riguardano la tecnologia, la natura e l’Universo) e la Cité des Enfants. A poca distanza si trova Géode, un edificio sormontato da una cupola sferica che funge da cinema con tecnologia Imax, dove vengono proiettati interessanti documentari.

All’interno del parco si trova perfino un sottomarino, l’Argonaute, dismesso negli anni ’80.

Ammirare i giardini

Gli spazi verdi del parco non sono composti solo da alberi ed erba, ma da un discreto numero di giardini tematici, tutti da esplorare; tra i più interessanti vi segnalo il jardin de la treille, il jardin des miroirs e il jardin des equilibre.

Le bellezze della Villette non si fermano solo alle architetture futuristiche delle folies e ai giardini. Da non perdere, nelle vicinanze della stazione della Metro Porte de Pantin, la meravigliosa Fontaine aux Lions: ideata dall’ingegnere Pierre – Simon Girard per abbellire la Place de la Republique, nel 1867 è stata ricollocata nella zona della Villette e vi è rimasta anche dopo la nascita del parco: ancora oggi, i suoi leoni in bronzo fuso riescono a catturare la vista grazie alla loro maestosità.

Divertirsi in famiglia

Jardins des vents et dunes, Parc de la villette
Jardins des vents et dunes

Il Parc de la Villette è uno spazio dedicato al divertimento di grandi e piccini. La Cité des Enfants, all’interno della la Cité des Sciences e de l’Industrie, offre due percorsi museali specifici per i bambini, con tanti giochi educativi, per farli imparare divertendosi.

All’esterno, alcuni giardini tematici, come il jardin du dragon e il jardin des vents e des dunes, sono i luoghi ideali dove far giocare i più piccoli.

Orari

Il Parc de la Villette è un parco pubblico che rimane aperto tutto il giorno (non è possibile accedere al parco dall’1 alle 6 del mattino).

L’Infopoint e la biglietteria, che si trovano alla folie accueil 1, sono aperti il mercoledì, il sabato e la domenica, dalle 14:30 alle 18:30.

Il jardin passagers è aperto da maggio a settembre, il sabato e la domenica dalle 15 alle 19, mentre da ottobre a marzo solo su prenotazione.

Il jardins des vents e des dunes è aperto da aprile a ottobre, dalla 10 alle 20, mentre dal 1° novembre al 31 marzo rimane aperto il mercoledì, nei weekend e nei giorni festivi.

 

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...
      

Tour e biglietti imperdibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.