Museo d’Orsay, Parigi

Home » Cosa vedere a Parigi » Museo d’Orsay, Parigi
Museo d’Orsay, Parigi 2017-06-28T12:28:44+00:00

Il Museo d’Orsay è, senza dubbio, una tappa obbligata per chi va a Parigi e, soprattutto, per chi è amante della pittura impressionista e post impressionista. Il museo, che si trova al centro di Parigi sulla sponda sinistra della Senna, infatti, è la più importante galleria francese che ospita dipinti di queste due correnti artistiche, raccogliendone moltissimi capolavori.

Prezzi dei biglietti a partire da: €13,80 | Acquistali ora

La struttura del Museo d’Orsay

La struttura del Museo d’Orsay, però, non nasce come una struttura museale ma come una stazione ferroviaria, realizzata secondo lo stile dell’Eclettismo, che fonde insieme linee, materiali e metodi diversi. Questa stazione ferroviaria, creata nel 1898 e completata in soli due anni, affinché fosse pronta in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi del 1900, nel 1939 venne chiusa.

La sua maestosità e l’ubicazione molto favorevole, infatti si trova in un luogo strategicamente molto importante, quasi di fronte al Museo del Louvre, però, fecero in modo che non fosse abbandonata e che, quindi, non fosse danneggiata dall’incuria. Dopo diversi utilizzi e scongiurato pure il rischio di essere demolito, l’edificio, tra gli anni ’70 e ’80, venne recuperato, ristrutturato e trasformato in un meraviglioso spazio espositivo, che fu inaugurato nel dicembre del 1986. Il progetto di recupero fu affidato a tre francesi, Renaud Bardon, Pierre Colboc e Jean-Paul Philippon, che cercarono di non stravolgere il progetto iniziale della stazione ferroviaria; mentre la disposizione degli spazi interni e la progettazione dei percorsi espositivi furono affidate al famoso architetto italiano Gae Aulenti, che inizio la sua ascesa proprio con questo importante lavoro.

Il percorso espositivo

Il percorso espositivo del Museo d’Orsay, realizzato dall’Aulenti, si articola su tre livelli. E’ stata utilizzata la navata centrale, dove correvano i binari per i treni, come elemento principale da cui si sviluppano passaggi e terrazze, i quali permettono ai visitatori di passare da un padiglione all’altro, dove sono contenute le opere, che vanno dall’inizio della Seconda Repubblica (1848) all’inizio della prima guerra mondiale (1914).

Questi limiti cronologici, però, non sono così rigidi, infatti il Museo di Parigi ospita anche opere di Renoir e di Monet successive al 1914 e datate 1920 e 1930. Il bellissimo Museo d’Orsay, che già per la sola struttura rappresenta una vera e propria opera d’arte, raccoglie tutti quei dipinti che, non potevano essere esposti né al Museo del Louvre né al Centre Pompidou, dove si trova il Museo Nazionale d’Arte Moderna.

Così, dal Louvre, sono arrivate al Museo d’Orsay le opere degli artisti che hanno lavorato durante la Seconda Repubblica e di pittori nati intorno al 1820, opere di grande valore ma conservate nei depositi per mancanza di spazio; mentre dal Museo Nazionale d’Arte Moderna sono arrivate le opere antecedenti al 1914, anno in cui si fa iniziare l’arte contemporanea.

Infine altre opere giungono dell’ex museo del Jeu de Paume, che raccoglieva opere di arte contemporanea e che ha ceduto i suoi dipinti impressionisti, sacrificati e sminuiti in una collocazione che non ne esaltava il valore.

Nato molti anni dopo il Louvre, sorto come fortezza e poi è diventato il famosissimo museo che ospita innumerevoli opere di arte classica e moderna, il Museo d’Orsay raccoglie, quindi, prevalentemente opere pittoriche di impressionisti e post impressionisti, ma anche collezioni di altre discipline artistiche, quali la fotografia, la scultura, con le sculture di Auguste Rodin, considerato il progenitore della scultura moderna, opere di arti grafiche e di arti decorative, senza dimenticare la sezione dedicata ad Henry de Toulouse Lautrec, il pittore che ritraeva le ballerine di can can del Moulin Rouge, il locale di cabaret di Pigalle.

Cosa vedere: le opere più importanti

Chi decide di fare una visita a Musee d’Orsay, dunque, si trova davanti i più grandi maestri dell’impressionismo (Claude Monet, Paul Cezanne, Edgar Degas, Edouard Manet, Pierre Auguste Renoir) e del post impressionismo (Paul Gauguin e Vincent van Gogh), i cui capolavori sono diventati la cifra distintiva di questa prestigiosa galleria parigina.

Da non perdere, quindi, tra le tantissime opere pittoriche presenti, saranno: “La classe di danza” di Degas (1871-1874), “Bal au moulin de la Galette” di Renoir (1876), il celeberrimo autoritratto di van Gogh (1889), “I giocatori di carte” di Cezanne (1890-1895), “Arearea” di Gauguin (1892), “Ritratto di Emile Zola” di Manet (1868), solo per citarne alcuni.

Inoltre è da sottolineare che le collezioni esposte al Museo d’Orsay si arricchiscono e si ampliano di anno in anno, grazie a prestiti o a donazioni da parte di altri musei o di privati, che cedono o prestano le loro opere. Questo fa sì che chi torna alla galleria parigina, più volte, può sempre trovare qualche opera nuova, che nella visita precedente non c’era.

All’interno del Museo d’Orsay, però, non ci sono solo dipinti, sculture ed opere di altro genere ma c’è anche la possibilità di assistere a svariati eventi che rappresentano e si inseriscono nel periodo storico delle opere esposte e che vengono organizzati nell’Auditorium. Ci sono anche concerti, mostre, spettacoli ed anche convegni e conferenze, naturalmente, in lingua francese.

Ed, infine, immancabile, è pure un ristorante, dove si possono gustare i piatti della cucina tradizionale francese dell’inizio del  ‘900 e che sono serviti in un sala, considerata un monumento storico, visto che anche questa, come il Museo d’Orsay, risale al XX secolo.

Dove si trova e come arrivare

1 Rue de la Legion d’Honneur, 7° arrondissement, Parigi. In Metro: linea 12 fermata Solferino; in Bus: 24-68-69; treno RER C, fermata Musee d’Orsay

Orari

Martedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 9:30 alle 18; il giovedì 9:30 – 21:45; chiuso il lunedì, 1 maggio e 25 dicembre;

Entrata

Adulti €11,00; giovani dai 5 ai 18 anni e dai 18 ai 25 anni dell’Unione Europea, entrano gratis.
Ingresso dopo le 16:30 escluso il giovedì €8,50. E’ possibile anche saltare le file acquistando anticipatamente il Paris Museum Pass

Biglietti per il Museo d’Orsay e tour

Mappa: cosa vedere nelle vicinanze

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...

Lascia un commento

X
- Enter Your Location -
- or -
0 Condivisioni
+1
Tweet
Condividi
Condividi
Pin